Il giorno dei Papaveri!

DSC_0350

I bambini in scena (foto A. Stopponi)

Chiuso il sipario del Teatro Gentile la sensazione era di una stanchezza piacevole. 55 allievi tra 6 e 60 anni in scena, 7 mesi di preparazione settimanale, 434 spettatori. Scritto così non sembra roba da poco. Eppure i numeri, per quanto possano dare la misura del lavoro svolto dall’Associazione Papaveri e Papere, non riescono a descrivere il “giorno di Papaveri” e, credeteci, si fatica a fare una cronaca di quello che si è succeduto sul palco a partire dalle 17.30 di sabato 17 maggio.

Come fai a descrivere a chi non era presente dietro le quinte l’allegria dei bambini che ci hanno raccontato il loro mondo?

DSC_0431

I ragazzi in scena (foto A. Stopponi)

O l’emozione dei ragazzi delle medie che è svanita non appena il sipario si è aperto? E come raccontare della tensione, della concentrazione, della paura del debutto di ciascuno dei più grandi?

E allora parliamo di come i quattro spettacoli viti al Gentile hanno preso vita. Sia nei due laboratori teatrali per bambini e ragazzi guidati rispettivamente da Antonio Cuccaro e Grazia Tiberi, sia in quello dei giovani/adulti del corso di avviamento al teatro (sempre guidato dalla Tiberi) , il comune denominatore è stato quello che a scrivere il testo da portare in scena fossero gli allievi stessi.

DSC_0058

Corso Avviamento in azione (foto A. Stopponi)

Un valore aggiunto in più rispetto al “semplice” apprendere ed applicare tecniche teatrali: un gioco per i bambini e i ragazzi, un modo impegnativo per approfondire la costruzione del singolo personaggio, per i  giovani e adulti. Questa dunque la genesi di “Bambini, Persone, Mondi”, de “La classe” e de “La metro”.

Storia a parte per gli allievi del corso avanzato giovani/adulti. Scuola serale è un vero e proprio “corto teatrale”, scritto appositamente da Arturo Bernava, scrittore emergente abruzzese, portato in scena per la regia di Fabio Bernacconi con l’aiuto di Claudia Mengarelli.

DSC_0268

Corso Avanzato, saluti finali (foto A. Stopponi)

Un modo questo per misurarsi con la messa in scena di un vero e proprio spettacolo preludio, per qualcuno, a future performance nella Compagnia Papaveri e Papere.

Lasciamo ai critici dire e commentare su quanto visto in scena, per conto nostro ancora la conferma che il teatro chiede tanto e dà tanto, a chi sta sul palco, a chi sta in platea e a chi sta dietro le quinte.

Papaveri e Papere ringrazia quanti hanno contribuito alla riuscita di questa manifestazione, oltre ai citati conduttori dei corsi anche Daniela Mezzanotte e Antonio Stopponi per le foto di scena e Tonino Solinas per il supporto sul palco. Un ringraziamento anche alla Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana per il sostegno alle attività associative, all’Istituto Comprensivo Marco Polo che ospita nel suo auditoriun i corsi teatrali, al Comune di Fabriano che ci permette di utilizzare il Teatro Gentile. Un grazie in particolare agli amici di Corrieri Arredamenti e di Smargiassi Costruzioni.

Si chiude qua la stagione 2013/2014 per Papaveri e Papere, una stagione intensa che l’ha vista impegnata su molti fronti: le 11 repliche de “La pillole d’Ercole”, il debutto del nuovo spettacolo “Cinque”, l’organizzazione della Stagione Teatrale del Teatro Casanova di Cerreto D’Esi e ancora i corsi di teatro a Fabriano e Cerreto D’Esi.

La programmazione per il prossimo anno è già a buon punto e chi volesse avere notizie sui prossimi corsi di teatro può andare sul sito www.papaveriepapere.org e compilare il modulo per ricevere informazioni non appena saremo pronti per partire.

Nota finale: il giorno dopo i bambini hanno portato in scena  la loro performance, facendo divertire i tanti ragazzi presenti in sala con la loro genuina allegria, nientepopòdimenochè alla 32esima Rassegna Nazionale Teatro Scuola di Serra San Quirico. Il progetto di questo laboratorio è stato infatti scelto dalla Associazione Teatro Giovani che la organizza, a partecipare alla fase finale di questo importante e unico festival dove protagonisti sono bambini e ragazzi. Un bel riconoscimento per Papaveri e Papere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *